.it


Viaggia con Valérie & François
Dalla Bretagna all’Islanda
Stagione 2021 - Da marzo ad agosto 2021

Buongiorno a tutte e a tutti! 
 
Da marzo scorso la stagione è stata intensa. Siamo stati a La Rochelle per un breve soggiorno...senza farci caso era il periodo del terzo lockdown. Abbiamo fatto una lunga sosta fino a metà maggio, poi un "intenso" viaggio di ritorno ad Arzal nella Vilaine, per fare la manutenzione annuale del nostro scafo. Abbiamo la fortuna di poter attendere le finestre meteorologiche giuste, ma a volte dobbiamo andare avanti, e la primavera non è stata di tutto riposo sulla nostra costa atlantica quest'anno... 
 
Ritorno a La Rochelle, per un cambio di sartiame, deciso all'ultimo minuto, e dobbiamo ringraziare PREPA NAUTIC per la sua reattività ed efficienza. 

Infine, debitamente vaccinati, e con Cybèle addobbata con il suo miglior equipaggiamento, siamo ripartiti per la Bretagna a fine giugno. 
Lasciamo dei buoni amici e quindi gli addii sono ancora più commoventi. Raramente qualcuno ci accompagna nella nostra rotta verso il nord... 

È deciso, sarà l'Islanda, passando dalla costa occidentale irlandese. 
Ultimi giorni in Bretagna, ultimi baci ai bambini e ai genitori, aspettiamo a rifugio dell'Odet. 


Per accompagnarci, il nostro amico Denis, anche lui proprietario di una nave gemella di Cybèle, ci raggiungerà in Irlanda. 

L'Irlanda riapre le frontiere ai titolari di pass sanitario il 19 luglio.

Aspettiamo il giovedì per lasciare la baia di Benodet alle 23h30, giusto per non partire il venerdì... La finestra meteo è molto calma. Poco importa, finalmente una nuova PARTENZA! 


Dopo 3 giorni in mare - sole - vela e motore - arriviamo lentamente nella baia di Dingle per aspettare il 19 al mattino. L'Irlanda ci accoglie sotto il sole con temperature più alte della Bretagna! 

Abbiamo il piacere di ritrovare Isabelle AUTISSIER, sul suo ADA2. L'abbiamo incontrata a La Rochelle, e sappiamo di avere la stessa destinazione per questa stagione, e ci terremo in contatto durante la navigazione.  A Galway, diamo il benvenuto a Denis e iniziamo il nostro percorso verso l'Islanda. 

Avevamo programmato di navigare attorno all'Irlanda, in attesa di una finestra meteorologica per attraversare. Infatti, dopo riflessioni e discussioni, abbiamo deciso di "tagliare" attraverso il Sud, essendo a fine stagione, e con un equipaggio ridotto. Denis poteva restare con noi solo tre settimane. La rotta delle Faroe, Islanda orientale e poi la costa nord, era più rischiosa per noi due soli, a partire da metà agosto. Abbiamo quindi deciso di passare dal nord dell'Irlanda alle isole Vestmann nel sud-ovest dell'Islanda. 

Poiché la finestra meteorologica era lunga, la costa irlandese ci ha offerto nel frattempo alcune belle tappe, come Clare Island e le isole Inishkea, tra le altre. Lì abbiamo scoperto la straordinaria storia della "Regina dei Pirati" - Grace O'Malley, che ha tormentato la terra e il mare per la maggior parte della sua lunga vita alla fine del XVI secolo... e infine ci siamo diretti a Barra, l'isola meridionale delle Ebridi Esterne. 

Infine, si è presentata la finestra e non abbiamo perso tempo per salpare verso l'Islanda. 4 giorni in mare. Venti di bolina e mare mosso. Sicuramente il comfort è altra cosa, ma almeno eravamo in 3 e potevamo organizzare i nostri turni comodamente. È un lusso per noi che siamo abituati a fare i turni ogni 2 o 3 ore, a seconda della nostra energia. 


All'alba del 9 agosto, abbiamo avvistato la costa sud dell'Islanda e il suo magnifico ghiacciaio Mýrdals-jökull. Anche le isole Vestmann sono comparse presto all'orizzonte. Un arcipelago vulcanico, l'unica isola abitata è Heimæy. Il suo porto è estremamente ben riparato, modificato nel 1973 dopo l'eruzione del vulcano che inghiottì un terzo della città di allora e quasi chiuse l'ingresso del porto. Nessuna vittima. La prima barca a vela che abbiamo incontrato è...francese! in partenza di ritorno verso la Francia... 

Lo scalo è grandioso! Il vulcano e il museo della sua eruzione, il tour dell'isola e le sue colonie di pulcinella di mare ne fanno una destinazione turistica popolare. C'era il sole, siamo stati estremamente fortunati al nostro arrivo. 


3 giorni di riposo e già ritorniamo a Reykjavik, perché il meteo ci spinge... Durante la loro guardia, gli uomini hanno avuto la fortuna di vedere il vulcano che erutta dietro Grindavik sulla costa, da ormai diversi mesi. Non hanno nemmeno pensato di svegliarmi... 

24 ore di navigazione dopo, ahimè, ormeggiamo sotto la splendida facciata colorata dell'Harpa Concert Hall che domina la marina privata. 
L'emozione condivisa dall'equipaggio è stata grande, così come l'accoglienza degli equipaggi francesi e svizzeri già ormeggiati, anch'essi attratti da queste latitudini, che si ritiene siano meno facili... 

La capitale ci ha accolto in tutto il suo splendore sotto il sole estivo. Colorata, si lascia scoprire mentre vaghiamo a caso. Non ci vorrà molto per scoprire i quartieri animati del centro città, il quartiere antico, il lungomare e i porti. Ma avremo tutto l'inverno per scoprirla, quindi conserviamo le visite ai musei per i mesi più difficili. 

Un breve viaggio in autobus per incontrare il team del club di vela, che ci ospiterà nel loro porto di Hafnarfjörður durante l'inverno. Sono accoglienti e desiderosi di sapere dei nostri viaggi. Un altro inverno che promette di essere sociale e caldo! 

Vi racconterò il resto e le nostre ultime navigazioni "estive" in una seconda parte, perché la nostra Iceland Experience inizia qui. E sarà molto ricca.


Denis è volato verso altri orizzonti, e abbiamo goduto di una grande amicizia con Barbara e Thierry sulla loro Gaïa, che incontreremo in diverse occasioni nelle prossime settimane. 

Come sempre, la chiusura posteriore del nostro pozzetto è stata il nostro rifugio di comfort durante queste ultime settimane. Se l'abbiamo sollevata in Irlanda, per goderci le belle giornate di sole, l'abbiamo subito rimessa al suo posto per continuare a goderci il sole, al riparo dal vento! 

Abbiamo consumato tutti i nostri pasti nel pozzetto. Denis stesso, proprietario di una nave gemella di Cybèle, usa la sua solo quando è all'ormeggio. Dopo un momento di adattamento, di perdita dei suoi punti di riferimento nella navigazione, a volte di rammarico per non vivere appieno gli elementi della natura, ha tuttavia riconosciuto che la traversata era stata in gran parte più confortevole grazie a questa attrezzatura. Ha trascorso molte, molte ore ad elaborare e montare un meraviglioso film del suo soggiorno a bordo. Mi ha stupito vederlo lavorare sul suo schermo in mare... io che riesco a malapena a leggere! 

Come sempre, potete seguire il nostro viaggio sul nostro blog: I viaggi di Cybèle, o per i più reattivi, nel nostro gruppo su Facebook.. 

Troverete il link al film di Denis:


Non vediamo l'ora di avere vostre notizie, se ci scrivete, o anche di incontrarvi, se venite a trovarci allo stand NV durante le fiere invernali. 
Potrete seguirci grazi al nostro AIS su MarineTraffic.
A prestissimo per la fine stagione!
Valérie

45 anni Séparateur di Esperienza
Séparateur Precursore e progettista
di Cappotte e Bimini Top
100 % Séparateur Produzione
francese
600 Séparateur Novità all'anno
8000 Séparateur Articoli
Condividi su